Quanto costa Google Ads?

Costi e benefici di Google Ads

La domanda per eccellenza. La prima che mi viene rivolta dagli imprenditori che mi contattano per iniziare a utilizzare Google Ads per la propria azienda.

La risposta è un classico. Dipende. Sì, quando posso evito di rispondere così, ma in questo caso non esiste una risposta certa.

Il “dipende” è legato a più fattori: alcuni controllabili, e di conseguenza preventivabili, altri indipendenti dalle attività svolte dal consulente e/o dall’azienda.

Entriamo nel dettaglio.

Costi e budget

Creare un account per fare pubblicità su Google è gratuito: l’unico costo addebitato dalla società di Mountain View è il traffico generato dalle campagne pubblicitarie.

Google non ti impone una spesa minima, o massima, e puoi sponsorizzare i tuoi annunci con qualsiasi somma tu voglia. Tuttavia devi tener conto del perché vorresti iniziare a pubblicizzare il tuo business su questo canale e dei tuoi obiettivi.

In questa ottica dobbiamo modificare la domanda da quanto costa Google Ads a qual é il tuo budget ottimale.

Per stabilire il budget ottimale, utile al raggiungimento degli obiettivi fissati, si può fare un’analisi preventiva che tenga in considerazione alcuni fattori, a cui facevamo riferimento in precedenza.

Tramite dei tool di pianificazione, interni alla piattaforma o esterni, puoi definire la strategia, la struttura delle campagne e decidere quali keyword acquistare. Questi dati ci daranno un’idea del costo delle parole chiave e più in generale del costo delle campagne pubblicitarie.

Moltiplicando il costo giornaliero di una campagna per 30,4 giorni (è la media dei giorni in un mese nell’arco di un anno, è un dato fornito direttamente da Google) otterrai il budget mensile ottimale.

Ricorda, però, che questo dato è molto indicativo perché ci sono dei fattori non controllabili che influiscono sull’andamento delle campagne.

Altri fattori importanti

1. Se il tuo business è in un mercato molto concorrenziale i cpc (costo per click) saranno più alti rispetto a un mercato con meno competitor. Oppure, acquistare keywords con una bassa percentuale di competitività può comportare meno traffico a un costo più basso.

2. Poi ci sono i contenuti delle pagine del sito, o landing page, utilizzate.
Spesso questi testi vengono scritti da persone senza particolari competenze di web copywriting: ciò comporta un alto tasso di abbandono da parte degli utenti e un peggioramento dei risultati delle campagne pubblicitarie. O ancora i copy degli annunci, che non attirano gli utenti e di conseguenza non portano né traffico né conversioni.

Un’attenta e accurata revisione dei testi, quindi, non solo migliora l’andamento delle campagne, ma fa anche risparmiare un bel po’ di risorse economiche.

3. Un ulteriore fattore è la pagina di destinazione degli annunci. Se la pagina non è pertinente con l’annuncio, ed eventualmente con la keyword acquistata, la user experience dell’utente è pessima o la pagina non mantiene le promesse fatte con l’annuncio, le performance della campagna saranno pessime.

Ad esempio, in media un e-commerce ha un tasso di conversione dell’1% (è un dato indicativo e medio tra i vari settori), ma se il tuo converte al 2% capirai che spendendo la stessa cifra di un e-commerce medio hai il doppio delle vendite. Ovviamente non stiamo prendendo in considerazione tutti i dettagli ma è una generalizzazione per farti capire come il tasso di conversione influisca sui costi delle campagne: un tasso di conversione alto potrebbe farti decidere di investire meno e al contrario un tasso di conversione basso comporterebbe una spesa maggiore.

Attenzione, se il tuo progetto è nuovo non avrai questo dato, potrai usarlo solo se la tua landing page è online e la stai già utilizzando. In alternativa puoi utilizzare il tasso di conversione medio del settore merceologico di riferimento per preventivare il budget.

Conclusioni

Prima di attivare una pubblicità online, assicurati che Google Ads sia lo strumento giusto per raggiungere i tuoi obiettivi e che questa attività sia parte di una strategia ben studiata, che possa portare benefici economici alla tua azienda.

Trasforma il costo di Google Ads in un investimento.

Google Ads è una piattaforma complessa: il mio consiglio, per evitare sprechi, è di non buttarti sul fai da te, ma di affidarti a un consulente capace di pianificare, sviluppare e ottimizzare una strategia di digital advertising.

Picture of Marco Mugnano

Marco Mugnano

Consulente e Formatore | Gestisco campagne Google Ads per ecommerce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti

ottimizzazione feed shopping
Google Ads

Massimizza il tuo Investimento Google Ads: Ottimizza il Feed Shopping

Sei mai entrato in un negozio e guardandoti intorno hai visto scaffali in disordine, prodotti presentati male o senza altre informazioni importanti?
In questo articolo voglio parlarti dell’importanza di un feed curato e di quanto sia utile l’ottimizzazione degli attributi per le performance delle campagne Shopping e Performance Max.

feed shopping fashion
Google Ads

Feed Shopping per ecommerce di Abbigliamento: 11 attributi che devi assolutamente avere

Il settore moda è molto competitivo, ci sono grandi brand con tanto budget a disposizione ed emergere è sempre più difficile. Soprattutto se hai un brand poco conosciuto e in via di sviluppo, hai bisogno di lavorare meglio e/o in maniera differente dai tuoi competitor. Se vuoi emergere nel mercato, usa Merchant Center come un tool diagnostico e di ottimizzazione del feed e poniti l’obiettivo di avere un feed ben strutturato.