Parametri UTM: cosa sono, perché ne hai bisogno e come usarli

parametri UTM
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Hai fatto campagne pubblicitarie, hai inviato newsletter, hai utilizzato dei banner e ora vuoi sapere cosa è successo, cosa hanno fatto gli utenti.

Sì, lo so a cosa stai pensando, su Google Analytics puoi vedere il report sui Canali o segmentare per Sorgente/Mezzo. E se ti dicessi che puoi sapere altro?

Come? Utilizzando i parametri UTM. Non li conosci? Nessun problema, in questo articolo ti spiegherò cosa sono, perché devi utilizzarli e soprattutto come.

Iniziamo.

Cosa sono i parametri UTM

UTM è l’acronimo di Urchin Tracking Module, un componente acquisito da Google nei primi anni 2000 e utilizzato in Google Analytics per tracciare le informazioni relative ad uno specifico URL.

I parametri UTM sono dei codici – ti sarà capitato di vederli in un URL, iniziano con un punto interrogativo – che ti forniscono i dati esatti sulla provenienza degli utenti.

Perché hai bisogno dei parametri UTM

Google Analytics raggruppa il traffico in entrata del tuo sito in Canali di default: Direct, Organic Search, Social, Email, Affiliates, Referral, Paid Search, Other Advertising, Display.

Se vuoi andare oltre e sapere di più sui tuoi URL devi utilizzare i parametri UTM.
In questo modo potrai conoscere il comportamento degli utenti che interagiscono con il tuo contenuto, organico o a pagamento, e ottimizzare quest’ultimo di conseguenza.

Come usare i parametri UTM

I parametri UTM possono essere creati semplicemente con il tool di Google, Campaign URL Builder.

Campaign URL Builder

Esistono cinque tipi di parametri e puoi usarli a tuo piacimento e secondo le tue esigenze.

Google ti fornisce una definizione rapida su come compilare i campi, ma non ti indica come utilizzarli. Il mio consiglio è di non abusarne e di non essere troppo creativo per evitare di “sporcare” i dati su Google Analytics.

Ma andiamo nel dettaglio dei parametri.

Website URL: The full website URL (e.g. https://www.example.com)
Inserisci l’URL che intendi tracciare. Nell’esempio c’è la home page ma puoi usare qualsiasi pagina del tuo sito.

Campaign Source: The referrer: (e.g. google, newsletter)
Il parametro Sorgente identifica la fonte di provenienza del traffico. Nell’esempio ci sono google e newsletter, ma potresti utilizzare questo parametro anche per le campagne su facebook, linkedin o twitter.

Campaign Medium: Marketing medium: (e.g. cpc, banner, email)
Il parametro Mezzo identifica lo strumento che utilizzi per generare il traffico. Nell’esempio ci sono cpc (la pubblicità a pagamento), banner e email ma potrebbe anche essere referral o cpm o altro.

Campaign Name: Product, promo code, or slogan (e.g. spring_sale)
Il parametro Nome Campagna identifica il nome che hai usato per la tua campagna pubblicitaria. Per esempio se invii delle newsletter potresti inserire i nomi delle email.

Campaign Term: Identify the paid keywords
Il parametro Termine identifica la keyword utilizzata per quel tipo di campagna.
Nell’esempio viene specificata una parola chiave a pagamento, ma puoi fare a meno di utilizzare questo parametro per le campagne Google Ads. La piattaforma, infatti, utilizza un tracciamento automatico visibile sia su Google Ads che su Google Analytics, sempre che tu li abbia collegati.

Campaign Content: Use to differentiate ads
Il parametro Contenuto identifica il contenuto utilizzato per la campagna.

Una volta compilati i campi necessari, il tool ti darà l’URL completo dei parametri UTM da utilizzare per il tuo contenuto.

URL generato dal tool

Consigli utili

  • L’utilizzo dei parametri UTM è utile per conoscere dati in più, tuttavia non è detto che sia un tracciamento perfetto. Le persone potrebbero modificare l’URL o inviarlo a un amico che può vedere la pagina senza aver interagito con il tuo contenuto.
  • I parametri sono case-sensitive, fanno cioè distinzione tra caratteri maiuscoli e minuscoli. Ti consiglio di utilizzare le lettere minuscole, così come vengono utilizzate di default da Google.
  • Il tool è molto utile per creare l’URL completo dei parametri UTM, ma potresti utilizzarlo solo in una fase iniziale. Quando sarai più esperto potrai scriverlo automaticamente: ricorda però di utilizzare la sequenza corretta – in ordine source, medium, campaign, term e content.
  • I parametri UTM vengono utilizzati a livello strategico per avere più informazioni. Ma tieni sempre presente che gli URL sono visibili, anche ai tuoi competitor. Utilizza dei codici che solo tu puoi interpretare, senza abusarne: potresti ritrovarti a leggere su Analytics dei dati incomprensibili.

Come avrai capito, i parametri UTM sono molto utili: ti consiglio di implementarli subito nella tua strategia.

Se hai dubbi o desideri e vorresti dei chiarimenti, lasciami un commento o scrivimi. Sarò felice di aiutarti.

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Marco Mugnano

Marco Mugnano

Aiuto gli imprenditori a promuovere prodotti e servizi attraverso campagne pubblicitarie su Google Ads e Facebook Ads.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti

estensioni annuncio google ads
Google Ads

Estensioni annuncio Google ads: perché e come utilizzarle

Gli annunci sono una parte importante della pubblicità su Google Ads, ti permettono di comunicare con le persone e, se scritti bene, di farti scegliere tra i tanti competitor.

A volte però non basta.

Hai bisogno di dare tante informazioni alle persone interessate ai tuoi prodotti o servizi e in un annuncio non ci stanno, hai pochi caratteri a disposizione.

Google ha pensato di aiutarti dandoti la possibilità di utilizzare le estensioni annuncio.

come funziona google ads
Google Ads

Google Ads: cos’è e come funziona

Tool, strategie, trucchi, cose complicate che pensiamo ci regalino successi. Spesso si pensa a questo e ci si dimentica delle piccole e semplici cose, come le basi su cui si fonda una piattaforma complessa come quella di Google Ads. È conoscendo bene i meccanismi che muovono il motore di ricerca, infatti, che si possono pianificare le strategie e trovare le soluzioni per sviluppare campagne pubblicitarie efficaci.