Google Ads: cos’è e come funziona

come funziona google ads

Tool, strategie, trucchi, cose complicate che pensiamo ci regalino successi. Spesso si pensa a questo e ci si dimentica delle piccole e semplici cose, come le basi su cui si fonda una piattaforma complessa come quella di Google Ads.

È conoscendo bene i meccanismi che muovono il motore di ricerca, infatti, che si possono pianificare le strategie e trovare le soluzioni per sviluppare campagne pubblicitarie efficaci.

Che cos’è Google Ads?

Google Ads, in precedenza noto come Google AdWords e Google AdWords Express, è una soluzione per la pubblicità online utilizzata dalle attività per promuovere i propri prodotti e servizi su Ricerca Google, YouTube e altri siti sul Web.

Nei primi anni di vita, quando ancora era Google AdWords, la pubblicità veniva chiamata anche Keyword Advertising. Gli inserzionisti promuovevano i propri prodotti e servizi sfruttando il motore di ricerca e le ricerche fatte dagli utenti: tutto era basato sulle parole chiave, le keyword.

Con il passare del tempo la piattaforma è diventata sempre più ampia, aggiungendo la rete Display, l’altra faccia della medaglia di Google AdSense, il motore di ricerca dedicato ai prodotti, Google Shopping, e infine le campagne pubblicitarie su YouTube e Gmail o quelle per promuovere le app.

Quali sono i principi di Google Ads?

Google Ads si basa su 3 principi:

  1. pertinenza: la mission di Google è di aiutare gli utenti a risolvere un problema fornendo la migliore risposta possibile. Google Ads ti permette di intercettare i tuoi potenziali clienti, sfruttando la pertinenza tra ciò di cui hanno bisogno gli utenti e i tuoi annunci pubblicitari;
  2. controllo: su Google sei tu a decidere quanto e come spendere i tuoi soldi. Hai il pieno controllo del tuo investimento pubblicitario. All’interno della piattaforma troverai consigli su come migliorare la spesa pubblicitaria, ma non troverai mai budget minimi da investire;
  3. risultati: Google dice “Paghi soltanto per i risultati, come i clic sul tuo sito web o le chiamate alla tua attività.” È vero, in parte, perché i tuoi obiettivi non possono essere semplicemente i clic che ricevi ma c’è ben altro a cui mirare: conversioni, costo per acquisizione, vendite, ROAS e altro.

Come funziona Google Ads?

Google Ads è la piattaforma pubblicitaria che ti permette di promuovere la tua attività e di raggiungere i tuoi obiettivi in maniera rapida.

Puoi intercettare i tuoi potenziali clienti in ogni fase del processo di acquisto: puoi fare campagne per rafforzare il tuo brand, per aumentare la relazione tra te e l’utente oppure per generare contatti o vendite.

Per sfruttare al meglio le enormi potenzialità di questa piattaforma, definisci su carta quali sono le tue strategie e le tue tattiche.

  • Definisci la tua Buyer Personas e il Customer Journey.
  • Definisci gli obiettivi delle campagne, chiedendoti con quale scopo le stai creando.
  • Fai una Keyword Research, se hai intenzione di utilizzare la rete di ricerca.
  • Lavora sul feed dei prodotti, se hai intenzione di utilizzare le campagne Shopping.

 

Pianifica tutti gli aspetti che ti saranno utili: ricorda che Google Ads è pur sempre il mezzo che userai per raggiungere i tuoi obiettivi.

Solo quando avrai chiari tutti questi aspetti potrai entrare nella piattaforma e creare le campagne di cui hai bisogno, selezionando le impostazioni necessarie.

E se non conosci la piattaforma, evita il fai-da-te: produce tanti errori e soprattutto uno spreco di budget. Ti consiglio di contattare un Consulente che ti possa aiutare nell’operatività o formandoti a dovere.

Se vuoi approfondire, ho scritto un articolo sulla figura del Digital Advertiser, su cosa fa e come può aiutarti.

Come funziona l’asta di Google Ads?

Ogni volta che una persona fa una ricerca, Google calcola il ranking degli annunci degli inserzionisti che partecipano all’asta.

Il ranking degli annunci dipende da 5 fattori:

  1. offerta massima: quando scegli la strategia di offerta, stai dicendo a Google qual è l’importo massimo che sei disposto a pagare per un clic sul tuo annuncio;
  2. soglia di ranking: Google vuole garantire alle persone che utilizzano il motore di ricerca un’ottima esperienza. Per questo, imposta una soglia minima di qualità che l’annuncio deve soddisfare per partecipare all’asta;
  3. contesto della query: Google analizza le parole chiave e altri attributi (per esempio la posizione geografica al momento della ricerca, il tipo di dispositivo utilizzato, l’orario di ricerca, ecc…) per cui l’inserzionista vuole pubblicare il proprio annuncio;
  4. impatto delle estensioni: Google valuta come le estensioni annuncio influenzano il rendimento degli annunci;
  5. qualità dell’annuncio: Google tiene conto di quanto siano pertinenti e utili per l’utente l’annuncio e la pagina di destinazione.

 

Google restituirà un valore per ogni inserzionista che ha partecipato all’asta e stilerà una classifica di visualizzazione.
L’inserzionista pagherà 0,01 € in più rispetto all’offerta migliore inferiore alla sua.

Quanto costa Google Ads?

Non c’è un costo fisso, aprire un account è gratuito e, come dice uno dei 3 principi di Google Ads, sei tu che decidi quanto investire in pubblicità.

Sia chiaro, non ti sto dicendo che puoi fare campagne con qualsiasi cifra.

In base ai tuoi obiettivi e alle campagne pubblicitarie che hai in programma di fare, puoi preventivare un budget minimo da investire.
Ci sono dei tool, interni alla piattaforma Ads, che ti possono aiutare a capire il giusto budget per le tue campagne.

Se vuoi approfondire, ho scritto un articolo su quanto costa Google Ads.

Come posso iniziare?

Come dicevo precedentemente, il fai-da-te senza competenze può rivelarsi un boomerang e crearti problemi. Per cui, se hai intenzione di iniziare da solo, ti consiglio di studiare la piattaforma attraverso la guida ufficiale di Google e i blog dedicati – come questo – o di formarti con un Consulente.

Se invece hai intenzione di integrare Google Ads nella tua strategia di marketing, ma vuoi delegare questa attività a un Consulente specializzato, contattami: studieremo insieme la miglior strategia per il tuo business.

Buon Advertising.

Marco Mugnano

Marco Mugnano

Consulente e Formatore | Gestisco campagne Google Ads per ecommerce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti

feed shopping fashion
Google Ads

Feed Shopping per ecommerce di Abbigliamento: 11 attributi che devi assolutamente avere

Il settore moda è molto competitivo, ci sono grandi brand con tanto budget a disposizione ed emergere è sempre più difficile. Soprattutto se hai un brand poco conosciuto e in via di sviluppo, hai bisogno di lavorare meglio e/o in maniera differente dai tuoi competitor. Se vuoi emergere nel mercato, usa Merchant Center come un tool diagnostico e di ottimizzazione del feed e poniti l’obiettivo di avere un feed ben strutturato.

Google Ads

Identificatori di prodotto: cosa sono e come usarli

Ho visto moltissimi feed e, se dovessi fare un elenco degli attributi peggio usati, probabilmente, gli attributi identificatori di prodotto sarebbero sul podio.

Spesso vengono usati male ma molte volte non vengono nemmeno presi in considerazione.
Nonostante Google li ritenga degli attributi facoltativi, io consiglio sempre di utilizzarli (e bene ovviamente) per massimizzare la visibilità online dei prodotti in vendita.

In questo articolo vedremo cosa sono, come utilizzarli e qualche consiglio 😉